CalcioSport

Barletta, Loiodice viaggia nel segno del 10: ha messo il piede nel 50% dei gol biancorossi

10 come il numero che porta sulla schiena, 10 come i gol firmati sin qui in stagione, che sia con una realizzazione diretta o con un assist. C’è il numero più pregiato nella storia del calcio a definire il cammino con il Barletta 2022/23 di Nicola Loiodice. Tornato nella Città della Disfida nella scorsa estate dopo la promozione da protagonista con l’Audace Cerignola, il 30enne è stato sin qui assoluto epicentro della formazione allenata da Francesco Farina: gol, dribbling ubriacanti, inviti delicati per i compagni di squadra. Elementi essenziali nel bagaglio di uno dei giocatori più determinanti dell’intera Serie D. E non certo da quest’anno.


Nel Barletta che ha segnato 20 gol in tutta la stagione, Coppa inclusa, Loiodice ha totalizzato sette reti e tre assist. In soldoni, il 50% del fatturato biancorosso davanti al portiere avversario passa dai piedi del fantasista barese. Una trafila aperta con la rete del provvisorio vantaggio in Coppa a Portici, in una partita persa poi dalla squadra di Farina ai calci di rigore, e proseguita con sei gemme in campionato. Tutti gol pesanti. Decisivi quelli segnati contro Molfetta e Francavilla in Sinni a settembre, per le prime due vittorie di misura al Puttilli. Tra il 6 e il 20 novembre ecco un tris che vale nove punti: firma nel 2-0 all’Afragolese, del 2-1 a Brindisi e apertura delle danze nel 3-2 casalingo contro il Lavello. E poteva mancare Loiodice nell’ultima partita di campionato del 2022? No, infatti il rigore del provvisorio pareggio contro il Fasano, nella partita vinta per 2-1 al Puttilli, ha portato la sua firma. Paradossale invece, per uno con le sue qualità, il fatto che i tre assist siano arrivati “solo” a dicembre: due per Maccioni nel 2-2 al Matera, preceduti dalla pennellata per Lattanzio nell’1-0 sul campo della Puteolana. Tratti distintivi della trama tattica del Barletta, oggi secondo a -4 dalla capolista Cavese. Da una parte c’è una retroguardia che subisce poco, la seconda meno battuta del campionato, dall’altra un Loiodice che si accende e fa a fette le difese avversarie. E che nel 2023 sarà supportato da Scaringella e Di Piazza, acquisti del mercato dicembrino che hanno concluso il periodo di rodaggio. Di certo però il 30enne di Bari non vorrà cedere facilmente lo scettro di top scorer biancorosso.

Vedi anche

Back to top button