CalcioSport

Casarano, Feola cancella il passato: “I rimpianti non contano, testa al Picerno”

I rimpianti ci sono ma oggi non contano. Vale solo concentrarsi sul presente. Garantisce Vincenzo Feola, allenatore di un Casarano che grazie alle due vittorie su Brindisi e Puteolana e agli stop del Lavelllo contro Andria e Taranto è riuscito a conquistare un posto al sole dei playoff di Serie D. I rossoazzurri vivranno gli spareggi promozione da quinti. Una posizione difficile da pronosticare dopo una prima parte di stagione spesso vissuta in vetta.
Feola fu esonerato il 5 marzo, nella settimana successiva al 2-2 esterno col Fasano del 28 febbraio). Il Casarano all’epoca era al secondo posto, con un primato virtuale (al netto dei vari recuperi in sospeso) che, potenzialmente, solo il Taranto poteva mettere in discussione avendo due punti di ritardo e tre gare da recuperare, una in più rispetto ai salentini. La proprietà aveva però ritenuto insufficiente il rendimento concretizzato dalla squadra, optando per Orlandi, che ha lasciato il Salento con un bilancio negativo di 4 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte, una media di 1.23 punti e la squadra fuori dalla zona play off a tre giornate dal termine della regular season.
La testa è solo al Picerno, partita secca che vale l’accesso alla finale playoff. Il Casarano ci arriva dopo aver ottenuto poco più della metà dei punti degli avversari nel girone di ritorno -20 contro i 39 – e avrà una sola via per proseguire il proprio percorso: vincere, entro 90 o 120 minuti.

Vedi anche

Back to top button